TypeLover

Confesso che l’interesse per la calligrafia, il lettering e la tipografia in generale mi ha ‘letteralmente’ (:P) preso la mano. Ci sono immerso a tal punto che ho deciso di condividerlo con voi con un piccolo regalino. Se vi piace lo sfondo del mio iPhone potete scaricarlo gratuitamente cliccando sulla foto in basso.
Realizzato con una Faber-Castell Callygraphy Pen, una Pilot Pocket Brush Pen e un po’ di magia digitale.
Typelovers del mondo, unitevi! Andate e divulgate il verbo! ;)

I have to confess that passion for callygraphy, lettering and typography in general has taken me. I’m into it so much that I decided to share it with you through a little gift.
If you like my iPhone wallpaper you can download it clicking on the picture below.
Made with a Faber-Castell Callygraphy Pen, a Pilot Pocket Brush Pen and some digital magic.
Typelovers of the world, unite! Go and spread the love! ;)

Foto 18-04-15 10 46 53

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Things-lettering

A volte capita che penna e carta non siano abbastanza per poter esprimere pienamente un’idea. In quei casi ci si arrangia come si può.

Scrivere con gli oggetti è un gioco divertentissimo. È creatività pura. È “design artigianale”… O forse tutto il design lo è? Boh.
Comunque ultimamente il lettering con gli oggetti e in particolar modo il food-lettering stanno avendo un enorme successo in campo pubblicitario. E secondo voi non dovevo cimentarmi anch’io in qualche test? :D

1897922_10205577780312786_380708285521361743_n

IMG_0117

Ecco un po’ making-of… che ci piace tanto.

11081395_10206324358416772_5085485798265584511_n

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Neil On Earth

Nasce così un progetto fotografico fine a sé stesso. Si intitola “Neil on Earth“.

Neil è appena giunto su questo triste ma curioso pianeta e, per motivi puramente scientifici, sta in giro tutto il santo giorno. Se non avete di meglio da fare, potete seguirlo su neilonearth.tumblr.com.

Quelli informati la chiamano “iPhoneography” o, più educatamente “mobile photography“, ma comunque vogliate chiamarla è innegabile che la diffusione degli smartphone dotati di fotocamere decenti ha acceso (o riacceso) la scintilla artistica in un bel po’ di animi sensibili (e non) creando una comunità di mobile photographer che nulla ha da invidiare a certe élite dall’obiettivo schizzinoso.
La consapevolezza di avere sempre in tasca uno strumento artistico dalle potenzialità così enormi non è cosa da poco e ammetto che la cosa ha preso anche me… e pure tanto.
E questo è il risultato.

Se avete voglia potete anche seguirmi su instagram… chiedete di premedito.

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page