In quei film così (Ciao Peppe)

A volte nella vita succedono cose che se le vedessi in un film sarebbero scontate. Scene che s’aspettano tutti. Che lo sai che accadrà, sin dall’inizio. Che in quei film così, le cose vanno sempre allo stesso modo.
Però quando queste scene capitano nella vita reale… nessuno riesce a crederci. Nessuno se l’aspetta. Pensi che non può essere, che certe cose capitano solo nei film, in quei film così.

In quei film, a un certo momento spunta un personaggio che appena lo vedi lo sai che è quello giusto, quello che può sistemare le cose. Ma in quei film così, le cose non si sitemano mai. E allora gli dici subito tu non arrivi alla fine del film. Perché lo sai che in quei film così, va in questo modo.

Poi un giorno però ti svegli, esci per strada e vedi un personaggio nuovo, uno che appena lo vedi lo sai che è il protagonista, perché è la persona giusta al momento giusto, con la faccia giusta e le idee giuste. E senti che forse sono quelli come lui in grado di sistemare le cose. Magari gli vedi fare i primi errori e poi lo vedi mentre trova la sua strada e pensi guarda questo che forse…
Tu lo sai che in quei film così, le cose non vanno mai bene e il personaggio nuovo non avrà mai la possibilità di sistemare nulla. Ma tu non sei in un film. Non ti senti in un film.

E allora quando il personaggio non arriva davvero alla fine del film… allora non ci credi.

Ciao Peppe… e grazie di tutto

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

3 commenti

  • Alessia sab 21 febbraio 2009 04:49

    sono un’amica di Giuseppe, la ragazza che ha filmato la contestazione a Sgarbi.
    soltanto… grazie…
    mi ricordo che avevi scritto a Giuseppe di aver aggiunto il suo link nella tua pagina e di non farti fare brutta figura… Non te l’avrebbe mai fatta fare, una brutta figura..
    Un abbraccio.

  • premedito sab 21 febbraio 2009 10:22

    Ciao, Ale… ne sono certo, non l’avrebbe mai fatto…
    Solo grazie a lui sono stato, per la prima volta nella mia vita, veramente orgoglioso di dire a tutti che Campobello di Licata è il mio paese.
    Poter dire di averlo conosciuto rimarrà sempre un onore.
    Il mio unico rammarico è quello di non averlo appoggiato fino in fondo quando ne ho avuta l’occasione. Come hai fatto tu, invece. Ti ho invidiata. E ti ringrazio per aver fatto ciò che molti adesso rimpiangeranno di non aver fatto.
    Grazie a te.

  • La sua terra : Premedito dom 31 gennaio 2010 11:46

    […] 31 gennaio 2010 11:46 Ciao, Pè… come va […]

Rispondi