Business cards

businesscard

I biglietti da visita per il grafico sono un po’ come il “fedora” per Indiana Jones. Fondamentalmente inutili, però non possono mancare. Altrimenti stai fuori dal personaggio.

Possono piacere come non piacere, tamarri o striminziti, leggibili o meno, ma la cosa importante è che devono rispecchiare al meglio l’intestatario (persona o azienda che sia). E io penso di sentirmi abbastanza rispecchiato.
Se sono brutti è solo perché sono brutto anch’io. Dentro. Perché fuori si sa, è un’altra storia.

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page
|  Tag:

4 commenti

  • Albino Juan Alvarez mer 31 marzo 2010 04:45

    I really like your style. Minimalist. Good luck on your career.

  • premedito mer 31 marzo 2010 10:09

    oh, thank you so much! I was afraid that these business cards could be too much empty… but I love minimalism :D

  • Valex sab 10 aprile 2010 22:29

    Spacca di brutto!.. ehm… dentro, ché fuori c’è la chiocciola resistente! :D

  • premedito dom 11 aprile 2010 10:43

    eh mi sa che la chiocciola mi servirà proprio, visto com’è messo il mondo del lavoro al momento… anzi sarebbe meglio un tank cingolato :D

Rispondi