Motocicletta 10HP tutta cromata è tua se dici sì

Ieri per strada ho incrociato un motociclista. Lo so che era un motociclista perché c’aveva la moto. Io ero a piedi e lui in moto.
È passato sfrecciando. Vabè, era veloce, sì, ma neanche tanto, perché anche se è passato sfrecciando io ho avuto tutto il tempo di notare una cosa particolare.
Ho notato che piangeva.
E non quelle lacrime che ti vengono naturalmente quando sfrecci in moto. (Io non ce l’ho la moto però lo so che a volte vengono le lacrime quando sfrecci in moto). No, lui piangeva.
Piangeva proprio.
Non aveva solo gli occhi rossi e le lacrime che gli rigavano il viso. Aveva anche la smorfia di chi piange. Gli occhi stretti e quella bocca che a descriverla in quest’epoca di sms mi verrebbe da dire a parentesi aperta verso il basso.

Quando mi sono accorto che piangeva, la cosa m’ha fatto un po’ impressione, perché non è cosa di tutti i giorni per me vedere motociclisti che piangono. Cioè, lui non era mica un motociclista qualunque. Era uno di quei motociclisti che non t’aspetti mica di veder piangere.
Quello c’aveva la moto tutta fiammante, sportiva, di quelle un po’ incazzose, tutte spigoli e frastuono. E aveva pure il giubbottino incazzoso. Di pelle. Quello tutto con gli stemmi colorati che però anche se è tutto colorato lo vedi che è incazzoso come giubbotto.
Insomma era uno di quelli che la gente che vive nei telefilm chiamerebbe centauri.

E insomma, vedere piangere un tizio così m’ha stupito. E allora mi son messo lì a pensare a quali potevano essere le cause delle lacrime di un centauro.

Adesso non so perché, sarà per tutti quegli stereotipi, quei pregiudizi che m’hanno messo in testa tanti anni di tv, o il cinema, o i libri che ho letto. Ma io la prima cosa che ho pensato è stata che se quel centauro piangeva allora c’entrava una donna.

Lo so che non è detto. Però a me, in quel momento, m’è sembrata la cosa più plausibile.
Ché si sa che quelli incazzosi fuori, dentro c’hanno le fragoline di bosco.

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

8 commenti

  • maryge lun 19 ottobre 2009 00:41

    un pò come il tronky…o il cornetto cuore di panna. uno di quelli con l’orecchino e il tatuaggio I love mom! XD

  • premedito lun 19 ottobre 2009 11:00

    Ecco, hai colto nel segno…

  • Marco mar 20 ottobre 2009 00:28

    bel post…dovresti mettere il tasto mi piace…tipo facebook..ormai sono abituato cosi..non mi ricordo più come si fa ad andare oltre alla triade “mi piace” “non mi piace” “non mi piace più”
    forse il centauro piangeva perchè una donna ha usato la terza voce della triade verso di lui..è la peggior voce, confabula insieme al “mi piace” per fregare la gente, anzi forse a pensarci meglio la peggiore è il “mi piace”, la più infida.
    Bel post comunque..mi piace…

  • premedito mar 20 ottobre 2009 09:14

    Uh guarda! Un musicista che viene a farmi visita!
    Mi piace che ti piace!(e non venite a farmi le lezionicine sui congiuntivi, per favore).
    In effetti stavo pensando di mettere quei tastini colorati che vanno tanto per ora sui blog. Tipo share qui e share là, condividi e cose così… che non sarà “mi piace” però sarebbe già qualcosa…
    Però io con le cose colorate non c’ho mai avuto sto gran rapporto. Ché anch’io a volte sono un po’ incazzoso fuori… ma poi è tutta scena…

  • giarina ven 23 ottobre 2009 18:33

    non date la colpa a me.
    io quel giorno non guidavo.

  • premedito sab 24 ottobre 2009 10:22

    Controlleremo il tuo alibi…

  • Clarita sab 24 ottobre 2009 14:10

    Magari piangeva perché era una donna, valà.

  • premedito sab 24 ottobre 2009 15:35

    Beh, in effetti di sti tempi non si può mai sapere… però c’aveva la barba… vabè che donna barbuta, si sà…
    Oh, son gusti…

Rispondi