Lavo, leggo, imparo

Oggi mentre mi dedicavo a una delle mie attività preferite che è analizzare le bottiglie del detersivo per la lavatrice (oh, è un hobby come un altro), mi sono accorto che sopra ad una che avevo a casa ci stava stampato un bollino rosso con su scritto “Sicurezza per il  bambino – Contiene Bitrex“.
Ora siccome io sono uno che le cose coi nomi strani m’hanno sempre affascinato, allora sono andato a cercare. E lo zio Google m’ha fatto capire che in pratica sto Bitrex è una cosa abbastanza seria, con tanto marchio registrato, sito ufficiale e società annessa. E io non l’avevo mai sentito nomiare.

Comunque, secondo il sito, sto Bitrex è una sostanza… anzi… è LA “più amara sostanza ad oggi conosciuta“.
L’hanno scoperta per sbaglio dei tizi di un’azienda farmaceutica nel ’58, che in realtà stavano lavorando su un’altra cosa, però si sono accorti subito che quello che gli era venuto fuori aveva qualcosa di particolare. In pratica faceva schifo. Ma non schifo così… come possono fare schifo le verdure ai bambini… No no, questa cosa faceva proprio schifo! Ma schifo schifo, eh.

E io non so come a qualcuno possa venire un’idea così. Forse se lavori in un’azienda farmaceutica ti vengono ste illuminazioni. Fatto sta  comunque che, pochi anni dopo, a qualcuno è venuto il lampo di genio di usare quest’intruglio amaro… nientepopodimenochè… come un intruglio amaro.
Che intelletto sopraffino!

Cito:
Il primo utilizzo del Bitrex in veste di sostanza amaricante fu in una crema per prevenire le morsicatura della coda nei maiali.

Come per dire “non siamo riusciti a fare il nostro lavoro, stiamo provando a fare qualcosa di utile ma non c’abbiamo proprio l’idea”.
Comunque dopo cinquant’anni un uso un po’ più dignitoso gliel’hanno trovato, fortunatamente.
Il Bitrex viene utilizzato oggi come “deterrente per l’uomo” per “prevenire avvelenamenti accidentali“.

Così, secondo loro, se il vostro dolce pargoletto decide di farsi un drink con un quarto di succo d’arancia, uno di gin e due d’ammorbidente, state sicuri che vi sputa pure i polmoni prima di riuscire a buttarne giù una sola goccia.
Altro che risuscitamorti…

Poi leggendo la bottiglia ho anche scoperto che se chiamo il numero verde mi mandano pure la pallina dostarice a casa.
Gratis!

Che culo.

P.S. per la realizzazione di questo post non mi ha contattato nessuno, non me l’ha chiesto nessuno, nessuno m’ha invitato a pranzo, nessuno ha sborsato un centesimo nè spazzolini elettrici, non sono stati maltrattati animali, tranne forse un po’ il mio canguro immaginario che lo vedo un po’ stressato ultimamente…

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Non ci sono commenti

Rispondi